Mick Fanning sfida le onde sulla prima tavola da surf stampata in 3D

Home / Notizie / Mick Fanning sfida le onde sulla prima tavola da surf stampata in 3D

Mick Fanning, il surfer australiano professionista noto anche come “White Lightning”, ha recentemente sfidato le onde sulla sua MF 3D Board, la prima tavola da surf stampata in 3D. Sviluppato dall’ingegnere Brandon Larson di Red Bull High Performance, la tavola da surf stampata in 3D potrebbe segnare una significativa innovazione tecnologica nello sport del surf.
Ci siamo chiesti se fosse possibile creare una tavola da surf stampata in 3D, senza rinunciare ad alte prestazioni”, ha detto Larson. E la risposta è stata ‘Assolutamente sì.’.”

pro-surfer-mick-fanning-hits-waves-first-ever-3d-printed-surfboard-1

Per replicare la tavola da surf di Fanning utilizzando la stampa 3D, l’ingegnere della Red Bull ha utilizzato tecniche di fabbricazione digitale normalmente riservate alle applicazioni aerospaziali, come ad esempio le parti di fabbricazione per le ali o la fusoliera. Larson si è rivolto alla società di stampa 3D Canadian Proto3000 per la realizzazione della tavola.

La tavola da surf di Fanning è stata stampata in 3D in dieci parti separate (un processo che ha richiesto circa 100 ore di fabbricazione). Poi, con molta attenzione, le parti stampate sono state assemblate ed incollate per formare l’intero ponte. Una volta incollate le singole parti in modo sicuro, il bordo è stato  “glassato”, ovvero sigillato con una fibra di vetro.

pro-surfer-mick-fanning-hits-waves-first-ever-3d-printed-surfboard-4

La stampa 3D è estremamente vantaggiosa perché è il metodo più vicino alla perfezione possibile ed è ripetibile“, ha spiegato Larson. La tavola adesso è in fase di prototipazione e ha bisogno di alcuni miglioramenti. Pesa 12 libbre, più che il doppio della tavola da surf originale. Tuttavia, visto il crescente mercato dei materiali di stampa 3D, sembra probabile che si presentino nuove e più leggere soluzioni materiali.
Proto3000 afferma di avere adesso materiali che sarebbero già più adatti per la produzione di un ponte forte ma leggero. Un modo per ridurre il peso del bordo è l’uso di un nucleo dissolvente.

pro-surfer-mick-fanning-hits-waves-first-ever-3d-printed-surfboard-2

Cosa ha detto Fanning quando l’ha provata?È abbastanza selvaggia. La forma è puntuale. Le rotaie, i dettagli… tutto è incredibilmente preciso. E’ solo pesante. Ma sono entusiasta di vedere i miglioramenti che verranno!” Se lo dice il campione tre volte di ASP World Tour, non possiamo non fidarci degli sviluppi del 3D Printing nello sport del surf.

fonte: 3ders.org

Leggi anche:

3D bioprinting: al via una nuova ricerca per la ricostruzione del menisco

Come indossare scarpe perfette? Ci pensa Volumental, attraverso lo scanning 3D del piede.

Articoli simili