Pelle umana stampata in 3D: il progetto arriva dalla Corea.

Home / Notizie / Pelle umana stampata in 3D: il progetto arriva dalla Corea.

I ricercatori dell’Università di Scienza e della Tecnologia di Pohang in Corea del Sud hanno sviluppato un metodo efficiente e conveniente per la stampa 3D della pelle umana. Il loro sistema di stampa 3D a celle ibride contiene sia metodi di estrusione che di inkjet.
La pelle stampata 3D è vista come il futuro della chirurgia ricostruttiva. Infatti, nonostante oggi i medici possano fare cose piuttosto stupefacenti con innesti di pelle, la capacità di creare e impiantare la pelle completamente nuova potrebbe rendere gli interventi chirurgici più semplici, più sicuri e meno traumatici per i pazienti.

I ricercatori dell’Università di Scienza e della Tecnologia di Pohang del Sud si stanno avvicinando ad un sistema in grado di stampare in 3D in modo efficace la pelle, utilizzando la stessa tecnica da loro usata per creare tessuto osseo stampato in 3D.

 korean-researchers-make-50x-cheaper-3d-printed-human-skin-using-hybrid-printer-1

In un articolo pubblicato oggi nella rivista Biofabrication, i ricercatori spiegano in che modo sono riusciti a sviluppare una stampante 3D ibrida che utilizza due diversi metodi di stampa 3D per creare un materiale a base di un collagene simile alla pelle umana e di una membrana di policaprolattone (PCL). Secondo il team di ricerca, questo nuovo sistema presenta una migliore opportunità per la stampa 3D della pelle rispetto ai metodi tuttora esistenti.

Sebbene siano stati esplorati diversi approcci per lo sviluppo di modelli biomimetici della pelle umana, i modelli attuali di pelle, che sono ancora basati su metodi di produzione multistep utilizzando chip di polidimetilsilossano (PDMS) e inserti di cultura cellulare, potrebbero essere limitati nel realizzare un design versatile che faciliti lo sviluppo di modelli funzionali della pelle umana “, ha affermato il professore Dong-Woo Cho del Dipartimento di ingegneria meccanica di Pohang. I ricercatori ritengono che il loro nuovo metodo, invece, sia in grado di superare queste limitazioni. “La nostra tecnica di stampa 3D potrebbe creare una nuova era per i modelli avanzati della pelle“, ha detto Cho.

korean-researchers-make-50x-cheaper-3d-printed-human-skin-using-hybrid-printer-2

Il segreto della nuova stampante 3D per la stampa della pelle dei ricercatori coreani risiederebbe nei suoi due metodi di deposizione simultanea: estrusione e getto d’inchiostro. Una combinazione vincente che produce qualcosa che assomiglia molto alla pelle umana. “Il PCL è un poliestere biodegradabile che impedisce la contrazione del collagene durante la maturazione dei tessuti“, ha spiegato Cho. “Abbiamo usato, poi, anche il metodo di erogazione a base di getto d’inchiostro per distribuire uniformemente i cheratinociti, il tipo di cellule predominante nello strato più esterno della pelle, sulla pelle ingegnerizzata“.

La squadra di Pohang ha già prodotto un modello di pelle stampato in 3D che è in grado di maturare senza l’uso di inserti commerciali della coltura cellulare. Il modello ha inoltre mostrato impressionanti caratteristiche biologiche già dopo 14 giorni dalla sua realizzazione. Questo innovativo metodo sembra anche e conomico oltre che efficace:  “Il nostro nuovo metodo è circa 50 volte più economico rispetto ai metodi alternativi e richiede 10 volte meno materiale di base“, ha detto Cho.

Che sia il primo concreto passo verso la realizzazione di pelle umana completamente funzionale? Noi ce lo auguriamo.

credits: 3ders.org

Leggi anche:

3D skin printer: la stampante 3D che guarisce ustioni e ferite.

Tactum project: oggetti indossabili e stampati direttamente sul proprio corpo

Tech Tats, i tatuaggi hi-tech che monitorano la nostra vita

Articoli simili