La storia di Millie e della sua zampa stampata in 3D

Home / Notizie / La storia di Millie e della sua zampa stampata in 3D

Oggi vi raccontiamo la storia di Millie, il primo cane in Australia dotato di una zampa protesica stampata in 3D.

millie-greyhound-becomes-first-dog-australia-receive-3d-printed-prosthetic-leg-4

Molto spesso, purtroppo, gli animali sono vittime di incidenti stradali violenti e, in alcuni casi, anche di omissioni di soccorso.  Le conseguenze sono nefaste: alcuni trovano la morte e altri rimangono mutilati. A quel punto sono costretti a una vita disagiata e, per i randagi, le possibilità di trovare un padrone diventano ancor più remote. Oggi, però, in tutto il mondo risuona un’eco di speranza per i nostri amici fedeli, grazie alle nuove tecnologie che utilizzano stampanti 3D.
Dall’Australia giunge, infatti, una notizia confortante: Millie, un cucciolo di allevamento con una zampa mancante, è stata dotata di una zampa protesica stampata in 3D e personalizzata per il suo fisico.

Millie aveva perso la zampa anteriore sinistra quando era cucciola e, per la maggior parte della sua vita, ha lottato per condurre una vita normale. I suoi padroni, però, non si sono arresi e sin da subito hanno cercato di alleviare le sue sofferenze ricorrendo ad ogni tipo di protesi. Si trattava, però, di soluzioni temporanee e notevolmente dispendiose da sostituire o riparare spesso.

millie-greyhound-becomes-first-dog-australia-receive-3d-printed-prosthetic-leg-1

Così l’architetto Ed Dippie e sua moglie Nora, i proprietari di Milllie, hanno deciso di progettare e costruire una zampa protesica personalizzata utilizzando il software di modellazione 3D, Fusion 360 di Autodesk.

Dopo aver progettato il prototipo, grazie ad un servizio di stampa locale 3D, Reality 3D Printing, hanno poi realizzato la stampa 3D con una stampante 3D Ultimaker 3. La protesi che ne è risultata ha permesso al cane di camminare e persino di tornare a correre e saltare come un cucciolo normale.

Un ulteriore vantaggio della protesi in 3D riguarda i costi: nel caso in cui si dovesse consumare o rompere, è possibile semplicemente stampare una parte di ricambio.

millie-greyhound-becomes-first-dog-australia-receive-3d-printed-prosthetic-leg-6

Quella di Millie è l’ennesima storia che ci ricorda l’importanza dell’uso consapevole delle nuove tecnologie digitali per il miglioramento della qualità della nostra vita e di quella dei nostri fidi compagni!

credits 3ders.org

Potrebbe interessati anche:

http://www.medaarch.com/2017/07/un-carapace-stampato-in-3d-dal-salento-un-intervento-di-successo/

http://www.medaarch.com/2016/09/progetto-cap-la-stampa-3d-che-aiuta-gli-animali/

Articoli simili