Artigianato, innovazione e design per creare bellezza

Home / Notizie / Artigianato, innovazione e design per creare bellezza

La manualità e la lavorazione artigianale nonostante la grande rivoluzione digitale, rimangono un punto di riferimento necessario nel campo del design. La parola d’ordine è: oggetti fatti a mano come sinonimo di qualità e di unicità. L’artigianato unito alla ultime tecnologie di innovazione creano bellezza.jw-anderson-loewe-craft-prize-_dezeen_hero-852x479Secondo Jonathan Anderson stilista e fondatore del Loewe Craft Prize, una reazione contro la “non realtà” delle tecnologie digitali ha portato ad un maggiore interesse per l’ artigianato del design. Anderson – fondatore del marchio di moda britannico Jonathan Anderson e direttore creativo della casa di moda spagnola  Loewe - ha detto che gli oggetti fatti a mano stanno attualmente vivendo un enorme aumento di popolarità, come reazione al predominio dei telefoni cellulari e di altri dispositivi digitali.

Siamo in un momento storico in cui stiamo cercando di diventare più tattili”, ha affermato il designer per la rivista Dezeen. “Viviamo in un tale periodo di non-realtà, comunichiamo via e-mail tutto il giorno, abbiamo appuntamenti tramite i social media – è una relazione molto televisiva con le immagini”.

jw-anderson-loewe-craft-prize_dezeen_2364_col_0-1704x1704

Il designer Jonathan Anderson sostiene che l’artigianato sta vivendo un enorme risveglio, motivo per cui ha lanciato il Loewe Craft Prize. Anderson, nato nell’Irlanda del Nord, ha affermato che questo revival è la ragione per cui ha lanciato l’annuale Loewe Craft Prize – un concorso che celebra i migliori esempi di arte e design di artigianato da tutto il mondo. “I premi nascono per incentivare le persone e per ricevere consensi per l’opera d’arte che si realizza,” ha detto. “Le persone vogliono essere in grado di potenziare i propri sensi attraverso quello che creano.”

Il progettista ritiene inoltre che la tendenza di scegliere prodotti lavorati a mano continuerà, in quanto l’industria del design si sforza di essere più sostenibile e i consumatori iniziano a favorire gli oggetti destinati a durare anziché a rompersi: “Stiamo iniziando a diventare più morali come consumatori, e in questo processo penso che l’artigianato diventerà fondamentale“, ha detto. “È meglio avere quattro tazze che non siano solo tazze bianche dell’alta moda, ed è meglio conoscere il produttore.”.

jw-anderson-loewe-craft-prize-_dezeen_2364_col_6-1704x1704

Ci sono 30 finalisti per Loewe Craft Prize di quest’anno, tra cui Christopher Kurtz, che crea sculture in legno.
Anderson ha lanciato il Loewe Craft Prize nel 2016, seguendo una serie di altri nuovi premi, fiere e mostre incentrati sull’artigianato, tra cui il Women’s Hour Craft Prize  lanciato lo scorso anno e la fiera Collet che si terrà a fine mese.

Quando ho iniziato a collaborare con Loewe quattro anni fa, ho avuto l’idea di iniziare un premio artigianale perché ho collezionato oggetti artigianali per oltre 10 anni e volevo creare una piattaforma che mostrasse l’artigianato a livello globale“, ha detto Anderson a Dezeen. “L’arte contemporanea ha così tanta visibilità, e io davvero non vedo la differenza tra i due”, ha continuato. “Volevo elevare il profilo del mestiere e convincere la gente a parlare dell’idea di fare.

jw-anderson-loewe-craft-prize-_dezeen_2364_col_14-1704x1703

Altri finalisti includono Julian Watts, tra le cui opere c’è questa panca di legno.

La seconda edizione del concorso ha attirato oltre 1.900 voci, provenienti da 75 paesi. Tra questi, una giuria di designer, tra cui la designer Patricia Urquiola e il direttore del Design Museum Deyan Sudjic, ha selezionato 30 finalisti che variano nella pratica. Christopher Kurtz  e Julian Watts creano sculture in legno, mentre l’artista giapponese Arko si concentra su antiche tecniche di vimini.

Secondo Anderson, un tema comune nella rosa dei candidati di quest’anno era rappresentato dalle forme a forma di vaso. Ha anche notato una rinascita nella popolarità della ceramica. “Quando guardi attraverso il lavoro di lacca, le ceramiche e il vimini, c’è questa idea di una forma simile a una nave“, ha detto. “C’è anche un forte interesse per la ceramica quest’anno“, ha continuato. “Ho collezionato ceramiche per anni, e ho visto un enorme cambiamento nel loro interesse: sembra che ora se hai un Rothko, devi avere una palla di ceramica per andare davanti ad essa.”

jw-anderson-loewe-craft-prize-_dezeen_2364_col_2-1704x1705

Tutti i finalisti saranno esposti al Design Museum di Londra dal 4 maggio al 17 giugno 2018. Il vincitore finale sarà annunciato il 3 maggio e aggiudicato € 50.000. Jonathan Anderson ha fondato il suo marchio omonimo nel 2008, dopo essersi laureato al London College of Fashion.

Il suo stesso lavoro esplora spesso idee di genere e identità. Recentemente ha curato un’intera mostra basata su questi temi, intitolata Disobedient Bodies, per il Museo Hepworth nello Yorkshire, in Inghilterra.

credits: dezeen.com

Potrebbe interessarti anche:

La prima collezione di Nagami presenta sedie stampate in 3D di Zaha Hadid Architects

L’alta moda e la stampa 3D: così Balenciaga crea silhouette spettacolari nella collezione AI 2018

Articoli simili