Il “fatto a mano digitale”: come la stampa 3D è diventata una nuova tecnologia artigianale

Home / Notizie / Il “fatto a mano digitale”: come la stampa 3D è diventata una nuova tecnologia artigianale

Per molte persone, l’artigianato è rappresentato dalle sedie in legno e dalle creazioni in ceramica, tutte amorevolmente realizzate a mano. Nell’immaginario comune è ancora difficile riconoscere come artigianale un oggetto  stampato in 3D.

Il lavoro del designer australiano Berto Pandolfo, mostrato in una nuova mostra alla Kensington Contemporary di Sydney, ribalta questa regola. I suoi strumenti dimostrano che le tecniche di fabbricazione digitale come la stampa 3D offrono nuove possibilità per i professionisti del design con un ethos artigianale.

Usare la nuova tecnologia per arricchire piuttosto che sostituire le tecniche tradizionali, è parte di un movimento che la scrittrice Lucy Johnston ha definito “il fatto a mano digitale” – i designer che utilizzano tecniche digitali emergenti per creare oggetti desiderabili.

L’artigianato è un termine contestato, specialmente in un’epoca in cui le macchine hanno preso il posto del lavoro precedentemente fatto a mano. In generale, è un approccio guidato dalla tradizione, dalla sensibilità ai materiali e dalle tecniche manuali. La mostra di Berto  Pandolfo, designer industriale, esplora il ruolo della stampa 3D all’interno di tale pratica. Il risultato sono oggetti che si sentono distintivi piuttosto che prodotti in serie, nonostante le loro origini online.

Tavolini di servizio dello spettacolo di Berto Pandolfo, MND. Berto Pandolfo

Tavolini di servizio della mostra di Berto Pandolfo, MND. Berto Pandolfo

La stampa 3D, più precisamente indicata come produzione additiva, crea oggetti depositando il materiale strato per strato. In particolare per la progettazione di mobili, si tratta di un passaggio radicale dai metodi tradizionali di sottrazione del materiale (si pensi alla scultura) oltre che alla formazione e all’unione. Definita come la terza rivoluzione industriale da scrittori tecnologici come Paul Markillie, la produzione additiva è stata inizialmente utilizzata come strumento per costruire prototipi direttamente da modelli generati al computer. Alcune tecniche di stampa 3D sono favorite dai progettisti industriali su larga scala. La sinterizzazione laser selettiva e la sinterizzazione laser diretta del metallo, ad esempio, sono due processi relativamente costosi che si sono dimostrati particolarmente utili nell’industria biomedica e aerospaziale.

Processi come la modellazione di deposizione fusa, d’altra parte, sono più accessibili e più accessibili ai progettisti che lavorano su oggetti unici come Pandolfo.

Le stampanti 3D desktop come CraftBot PLUS di CraftUnique costano poco più di $ 1.000. Per la sua mostra, intitolata MND, Pandolfo ha prodotto una serie di tavolini laterali, utilizzando la modellazione deposizione fusa per creare le gambe. Ispirato alle pietre di fiume, le gambe contrastano con la finitura liscia del corpo del tavolo, realizzata a mano dal pino kauri. In genere le trame ruvide sono associate al legno.

In questo caso, tuttavia, il legno è liscio e uniforme e la plastica è ruvida e irregolare. Generalmente, il processo di stampa 3D produce una finitura superficiale ruvida, a grumi o a strisce, spesso levigata. Pandolfo decise di non farlo, dando ai tavoli laterali i segni dell’imperfezione spesso associati a oggetti fatti a mano. Scelse anche la forma della pietra del fiume piuttosto che le tradizionali gambe tornite in legno di un tavolino, per sfruttare la capacità della produzione additiva di creare forme di sottile irregolarità. Piuttosto che essere considerate come accidentali o antagoniste al prodotto finito, le imperfezioni superficiali tipiche del processo di modellazione della deposizione fusa sono state utilizzate come un’opportunità.

Rendering digitale delle gambe del tavolino di Berto Pandolfo

Rendering digitale delle gambe del tavolino di Berto Pandolfo

Il lavoro di Pandolfo si inserisce nel movimento “digital handmade” perché ha trasformato i limiti tecnologici della stampa 3D in opportunità creative. In effetti, il connubio tra stampa 3D e artigianato rappresenta un ritorno a valori preindustriali in cui l’intelligenza creativa e l’abilità nella creazione sono andate insieme. Come Johnston suggerisce nel suo libro, la rivoluzione industriale “ha comportato un ruolo diminuito per l’artigiano”. Abilità e immaginazione sono state rimosse dalla produzione di serie come macchine e la linea di fabbrica ha dominato il processo di produzione. La creatività, una volta associata a oggetti e oggetti fatti a mano, divenne più strettamente associata alle belle arti. L’esplorazione deliberata di Pandolfo di nuovi materiali, tecnologia e forma dimostrano una fusione di queste virtù apparentemente contrastanti.

Credits: The Conversation 

Potrebbe interessarti anche: 

Artigianato, innovazione e design per creare bellezza

Perché i maestri di artigianato dovrebbero abbracciare la fabbricazione digitale

Articoli simili