Neri Oxman presenta le nuove maschere mortuarie fatte microrganismi che producono pigmenti

Home / Notizie / Neri Oxman presenta le nuove maschere mortuarie fatte microrganismi che producono pigmenti

Neri Oxman e il suo Mediated Matter Group del MIT hanno completato la loro collezione di maschere mortuarie stampate in 3D, con progetti che coltivano nuova vita dopo la morte.
La terza e ultima raccolta nella serie di maschere mortuarie dei Vespri vede il gruppo di lavoro esplorare il concetto di rinascita, con una collezione di cinque maschere stampate in 3D quasi incolori che funzionano come “urne biologiche”.

neri-oxman-vespers-death-masks-mit-media-lab_dezeen_2364_col_0

Le urne sono abitate da microrganismi viventi che sono stati sinteticamente progettati dal team di Oxman per produrre pigmenti e sostanze chimiche utili per lo sviluppo umano, come vitamine, anticorpi o farmaci antimicrobici.

La ricerca ci sta conducendo verso un futuro in cui le interfacce e la pelle da indossare sono personalizzate non solo per adattarsi a una particolare forma, ma anche per un materiale specifico, chimico e per il trucco genetico.”, ha spiegato il team di Oxman.

neri-oxman-vespers-death-masks-mit-media-lab_dezeen_2364_col_2

Oxman da sempre si occupa di bioarchitettura: da progetti di ricerca sulla stampa 3D includono “pelli indossabili” stampate in 3D progettate per facilitare i processi biologici sintetici, a studi su come utilizzare i bachi da seta per stampare le strutture architettoniche. Dal 2016 si è dedicata alla collezione Vesper, rivelando prima la seconda parte della trilogia, per poi seguire la prima parte.

Basate su antiche maschere mortuarie tradizionalmente realizzate con cera o gesso, le versioni di Oxman sono formate utilizzando una stampante 3D multimateriale Stratasys Objet500 Connex3, che costruisce forme 3D depositando gocce polimeriche in strati.

neri-oxman-vespers-death-masks-mit-media-lab_dezeen_2364_col_4

Usando un software personalizzato, Oxman e il suo team al MIT sono in grado di modellare forme complesse e ad alta risoluzione basate sui dati. Ogni serie comprende cinque maschere che esplorano un concetto diverso: passato, presente e futuro.
Combinate, le 15 maschere rappresentano il passaggio dalla morte alla vita o dalla vita alla morte.

neri-oxman-vespers-death-masks-mit-media-lab_dezeen_2364_col_6

Nella prima raccolta, chiamata “Past, The Natural World”, la struttura stampata in 3D della maschera comprende modelli vorticosi colorati realizzati con minerali che sono stati informati dal flusso fisico di aria emessa dall’ultimo respiro dei martiri.

neri-oxman-vespers-death-masks-mit-media-lab_dezeen_2364_col_6

Nella seconda raccolta, denominata “Present, The Digital World”, le maschere trasmettono la nozione di metamorfosi. Le forme e i colori delle cinque maschere della prima serie hanno informato i disegni di questo secondo set. “Usando algoritmi di mappatura spaziale, le colorazioni di superficie e le geometrie troncate culturalmente codificate nella prima serie si trasformano nella seconda raccolta in fili colorati interni, all’interno di volumi trasparenti e senza intoppi. “, ha spiegato il team.

neri-oxman-vespers-death-masks-mit-media-lab_dezeen_2364_col_9

Per la nuova serie, intitolata: “Future, The Biological World”, Oxman esplora il concetto di rinascita. Queste maschere quasi incolori fungono da habitat per i microrganismi viventi.
Ancora una volta, le maschere presentano pattern derivati dalla serie precedente, mentre i microrganismi che popolano la maschera reinterpretano la tavolozza dei colori della prima serie.

neri-oxman-vespers-death-masks-mit-media-lab_dezeen_2364_col_12

Il progetto punta ad adattare gli indossabili al corpo e all’ambiente che esso abita”, spiega il team “Immaginate, per esempio, un’interfaccia wearable progettata per guidare la formazione di antibiotici ad-hoc personalizzata per adattarsi al corredo genetico del suo utente, o considerare dispositivi intelligenti di rivestimento o rivestimenti superficiali in grado di rilevare la contaminazione, infine considerare pelli architettoniche sensibili all’ambiente che possono rispondere e adattarsi – in tempo reale – a stimoli ambientali“.

neri-oxman-vespers-death-masks-mit-media-lab_dezeen_2364_col_14

Il Medical Matter Group è composto da Christoph Bader, Rachel Soo Hoo Smith, Dominik Kolb, Sunanda Sharma, João Costa e James Weaver, oltre a Neri Oxman.

vespers-neri-oxman-3d-printed-death-masks-mediated-matter-group_dezeen_2364_col_21

Le maschere mortuarie Vespers sono state create per The New Ancient Collection dal produttore di stampanti 3D Stratasys, curato da Naomi Kaempfer.

fonte: dezeen.com

Potrebbe interessarti anche:

Il nuovo robot di Neri Oxman che stampa in 3D un edificio in meno di 14 ore 

Il nuovo progetto di Neri Oxman: strutture indossabili in 3d per sopravvivere in altri pianeti

Articoli simili