PON Patrimonio culturale,artistico e paesaggistico

Home / Notizie / PON Patrimonio culturale,artistico e paesaggistico

copertina-patrimonio-culturale-artistico1

Cos’è il PON Patrimonio culturale, artistico e paesaggistico

Il PON Patrimonio culturale, artistico e paesaggistico fa parte delle 10 azioni messe in atto dal Programma Operativo Nazionale “Per la Scuola – competenze e ambienti per l’apprendimento” realizzato dal MIUR per perseguire l’inclusività, l’equità, la coesione e il riequilibrio territoriale, favorendo la riduzione della dispersione scolastica e dei divari tra territori, scuole e studenti in condizioni diverse; Il Programma Operativo Nazionale, inoltre, mira a valorizzare e sviluppare le potenzialità, i talenti e i meriti personali, anche attraverso la promozione delle competenze trasversali degli studenti, comprese quelle di cittadinanza globale. Nello specifico l’obiettivo dell’azione PON Patrimonio culturale, artistico e paesaggistico è quello di educare le studentesse e gli studenti alla tutela del proprio patrimonio culturale, artistico e paesaggistico, trasmettendo loro il valore che ha per la comunità e valorizzandone a pieno la dimensione di bene comune e il potenziale che può generare per lo sviluppo democratico del Paese.

In che modo la Medaarch lavora per le scuole?

La Medaarch da sempre lavora con le scuole, proponendo e organizzando percorsi formativi altamente innovativi. I nostri corsi sono strutturati con metodi di apprendimento innovativi per implementare le conoscenze degli studenti e migliorarne le competenze di base. Attraverso il programma Mediterranean FabLab @School, la Medaarch propone un’offerta formativa che garantisce il conseguimento di percorsi didattici e laboratoriali di successo relativi ai programmi PON/POR/FSE/FESR.

Cosa offre la Medaarch per lo sviluppo del PON Patrimonio culturale,artistico e paesaggistico?

Per il PON Patrimonio culturale, artistico e paesaggistico, la Medaarch ha ideato una serie di percorsi formativi strutturati a seconda delle azioni dettate dal MIUR che hanno l’obiettivo di:

– sensibilizzare gli studenti alla tutela del proprio patrimonio artistico e culturale
– migliorare le conoscenze degli studenti rispetto ai beni artistici, culturali e paesaggistici presenti sul territorio
– potenziare il senso civico degli studenti

I percorsi formativi mirano a valorizzare e sviluppare le potenzialità, i talenti e i meriti personali degli studenti e hanno lo scopo di  trasmettere oro il valore che il patrimonio culturale e artistico ha sulla nostra comunità.

4

Quali sono i moduli formativi dedicati al PON Patrimonio culturale,artistico e paesaggistico?

L’offerta formativa dedicata al PON Patrimonio culturale, artistico e paesaggistico è molto ampia e versatile ed è strutturata per le scuole di ogni ordine e grado. I diversi moduli sono strutturati a seconda dell’azione dettata dal MIUR. Ecco nello specifico alcuni dei nostri moduli!

Attività didattiche relative al patrimonio artistico, culturale e paesaggistico

  • Modulo “Alla scoperta dell’arte contemporanea europea”: il patrimonio artistico contemporaneo, per il suo essere frutto di continue contaminazioni, scambi, integrazioni, è un ottimo strumento per conoscere la propria identità e quella altrui favorendo il dialogo interculturale. Il corso, focalizzando l’attenzione sull’arte contemporanea, mira all’acquisizione di nuove conoscenze con benefici reciproci per la società e il patrimonio artistico.
  • Modulo “Sensibilizzazione alla conoscenza e alla tutela del patrimonio artistico”: il corso mira a educare i discenti alla conoscenza del patrimonio culturale come heritage da custodire e tramandare. Obiettivo del corso è anche sviluppare il senso critico dei discenti sulla necessità di elaborare nuove politiche di turismo finalizzate ad uno sviluppo e ad uno sfruttamento sostenibile delle risorse e, al tempo stesso, favorire un dialogo interculturale tra istituzioni (musei e soprintendenze) e le nuove frontiere della tecnologia.
  • Modulo “MusEolo”: realizzazione di audioguide per un’app sui musei: MusEolo è la prima applicazione al mondo (sviluppata da Codexon srl) che rivoluziona il modo in cui gli appassionati di cultura, di arte e di storia scoprono e visitano musei e luoghi d’arte grazie ad un sostanzioso archivio di musei, parchi archeologici, pinacoteche e di tutte le opere in essi contenute. L’attività principale assegnata agli studenti è quella di ricercare e documentare la storia e le caratteristiche di opere e manufatti del patrimonio culturale italiano, effettuando quindi una cernita delle informazioni essenziali e di valore e rielaborandole sotto forma di audioguida che sarà poi destinata a target di pubblico differenziati principalmente per età e formazione.

Accesso, esplorazione, conoscenza e valorizzazione, anche digitale, attraverso sperimentazioni tecnologiche, del patrimonio

  • Modulo “Restauro innovativo: scansione, digitalizzazione e stampa 3D di beni turistici e archeologici”: il corso insegna a progettare e realizzare sistemi di salvaguardia di beni turistici ed archeologici, attraverso la scansione, la digitalizzazione e la stampa 3D di opere d’arte che necessitano di un restauro o di una riqualificazione in toto o in parte. Obiettivo del corso è promuovere la conoscenza del patrimonio artistico e iniziare i discenti a progettare e realizzare soluzioni di recupero o riqualificazione di opere d’arte che necessitano di restauro.

5

  •  Modulo “Realizzazione di Smart souvenir: il corso insegna a progettare e realizzare “souvenir intelligenti” che mettano in relazione il turista e l’opera artistica che ha vissuto, restituendo all’utente anche delle informazioni pertinenti dell’opera da lui fruita. Il corso mostra inoltre agli studenti l’Internet delle cose (IoT), insegnando loro a dotare i souvenir, stampati in 3D, di un’identità “digitale” e a connetterli tra di loro in rete. In particolare, una volta progettati con programmi di modellazione 3D (Rhinoceros 3D) e prototipati attraverso l’utilizzo della stampante 3D, gli oggetti progettati per essere souvenir rappresentanti opere d’arte, verranno integrati della tecnologia Arduino, per l’interazione con l’utente che li usa e li esperisce.
  •  Modulo “Restauriamo la tradizione: scansione, digitalizzazione e stampa 3D di calchi in ceramica”: il modulo è volto a presentare ai discenti com’è possibile creare una sapiente commistione tra l’uso di tecniche artigianali classiche e l’utilizzo di nuove tecnologie digitali. Il corso infatti si propone di mostrare agli studenti le opportunità offerte alla tradizionale produzione di ceramica locale dagli strumenti di programmazione assistita e di prototipazione rapida.
  •  Modulo “Papier-Mache: come realizzare calchi digitali in plastica per la cartapesta: il modulo permette agli studenti di acquisire le capacità necessarie per realizzare oggetti in cartapesta. Si parte dalla modellazione dell’oggetto attraverso il software di progettazione tridimensionale Rhinoceros 3D, per poi arrivare alla prototipazione dello stesso attraverso l’utilizzo della stampante 3D. Il prototipo realizzato fungerà da matrice per la realizzazione di un calco in gesso che farà da modello per l’oggetto in cartapesta.
  •  Modulo “Progettando una smart city”: il modulo permette agli studenti di acquisire le capacità necessarie per progettare prototipi e soluzioni per la città, che siano dotati di “intelligenza” e che riescano a comunicare con le esigenze della città, per renderla più sostenibile e “smart”. Obiettivo del corso è dotare gli studenti di conoscenze e competenze sulla programmazione assistita, sulla progettazione e realizzazione di soluzioni “intelligenti” per una smart city.
  • Modulo “Self mapping: alla scoperta del nostro territorio”: il corso permette agli studenti di acquisire le capacità necessarie per mappare aree verdi, parchi e spazi urbani, al fine di sviluppare progetti di gestione e cura delle aree analizzate. Obiettivo del corso è dotare gli studenti di conoscenze e competenze per eseguire il mapping di un territorio, al fine di comprenderne le peculiarità naturali e socio-culturali e di sviluppare progetti di valore riguardanti la cura e la gestione dell’area mappata.

35737121_2575379016020484_2643441354373332992_o  

L’innovazione nella narrazione e la comunicazione del patrimonio locale

  • Modulo “L’arte a portata di app”: il percorso mira a presentare agli studenti gli strumenti utili alla creazione di un app, al fine di costruire un sistema attivo sul territorio per la promozione e la diffusione del patrimonio locale. Mediante lezioni dialogate, momenti di co-progettazione e attività laboratoriali, i discenti lavoreranno alla creazione di una app per la diffusione e la condivisione in rete di informazioni e novità sul patrimonio artistico, culturale e paesaggistico locale.
  • Modulo “L’arte in web”: il percorso si articola in fasi distinte che punteranno, attraverso un percorso esperienziale, al trasferimento del know-how necessario alla realizzazione di un sito e alla comprensione dei fondamenti necessari alla comunicazione on-line. Il modulo mira a sensibilizzare le studentesse e gli studenti al proprio patrimonio artistico, culturale e paesaggistico e a fornire agli studenti gli strumenti utili alla progettazione e alla realizzazione di un sito web.
  •  Modulo “Raccontiamo l’arte”: il modulo mira a fornire le conoscenze e competenze riguardanti la scrittura creativa di contenuti riguardanti il patrimonio culturale, artistico e paesaggistico locale e si propone di mostrarne l’utilizzo persuasivo, strategico e consapevole di questa per i diversi mezzi di comunicazione (stampa, tv, pubblicità, video, radio, etc.).

La produzione artistica e culturale

  • Modulo “Alla scoperta dell’arte contemporanea europea”: il patrimonio artistico contemporaneo, per il suo essere frutto di continue contaminazioni, scambi, integrazioni, è un ottimo strumento per conoscere la propria identità e quella altrui favorendo il dialogo interculturale. Il corso, focalizzando l’attenzione sull’arte contemporanea, mira all’acquisizione di nuove conoscenze con benefici reciproci per la società e il patrimonio artistico.
  • Modulo “Sensibilizzazione alla conoscenza e alla tutela del patrimonio artistico”: il corso mira a educare i discenti alla conoscenza del patrimonio culturale come heritage da custodire e tramandare. Obiettivo del corso è anche sviluppare il senso critico dei discenti sulla necessità di elaborare nuove politiche di turismo finalizzate ad uno sviluppo e ad uno sfruttamento sostenibile delle risorse e, al tempo stesso, favorire un dialogo interculturale tra istituzioni (musei e soprintendenze) e le nuove frontiere della tecnologia.
  • Modulo “L’arte va in scena”: il modulo si propone di introdurre gli studenti alla storia del teatro approcciandoli a un’importante produzione teatrale in maniera innovativa mediante la riscrittura creativa di testi e la relativa messa in scena. Obiettivo del corso è mostrare agli studenti le tecniche, i conenuti e le pratiche relative alla riscrittura e alla messa in scena di un testo teatrale.

Progettando interventi di rigenerazione e riqualificazione urbana

  • Modulo “Progettando una smart city”: il modulo permette agli studenti di acquisire le capacità necessarie per progettare prototipi e soluzioni per la città, che siano dotati di “intelligenza” e che riescano a comunicare con le esigenze della città, per renderla più sostenibile e “smart”. Obiettivo del corso è dotare gli studenti di conoscenze e competenze sulla programmazione assistita, sulla progettazione e realizzazione di soluzioni “intelligenti” per una smart city.
  • Modulo “Self mapping: alla scoperta del nostro territorio”: il corso permette agli studenti di acquisire le capacità necessarie per mappare aree verdi, parchi e spazi urbani, al fine di sviluppare progetti di gestione e cura delle aree analizzate. Obiettivo del corso è dotare gli studenti di conoscenze e competenze per eseguire il mapping di un territorio, al fine di comprenderne le peculiarità naturali e socio-culturali e di sviluppare progetti di valore riguardanti la cura e la gestione dell’area mappata.
Quali metodologie didattiche utilizziamo?

Ogni attività formativa e laboratoriale che la Medaarch propone, attraverso il programma Mediterranean FabLab @School, prevede l’utilizzo delle seguenti metodologie:

  • Peer education: Attraverso un approccio peer to peer gli studenti avranno la possibilità di sedimentare le conoscenze acquisite, sperimentando direttamente la didattica dei contenuti appresi mediante l’insegnamento ad altri studenti, e/o ai loro stessi compagni.
  •  Learning by doing: Ogni attività prevista coinvolge gli studenti o i genitori in situazioni concrete, in cui i contenuti formativi vengono vissuti, sperimentati, attuati e le conoscenze e le competenze teoriche vengono rese operative.
  •  Cooperative learning: La Medaarch propone per ogni attività una o più situazioni in cui è richiesto il lavoro di gruppo, essendo ferma la convinzione che tale approccio risulti basilare sia per la costituzione di una coesione maggiore tra gli studenti e tra studenti e insegnanti, sia per l’emergere di dinamiche che portano il singolo ad emergere in maniera critica e consapevole all’interno del gruppo.
  •  Tinkering: utilizzando un approccio metodologico informale e intellettualmente stimolante basato sul “problem solving” gli studenti hanno la possibilità di utilizzare praticamente le conoscenze tecnologiche e scientifiche apprese.

alla scoperta dell'arte contemporanea europea (2)

Cos’è il programma Mediterranean Fablab @School?

La Medaarch ha realizzato il programma Mediterranean FabLab @School , che vuole essere un’esperienza di formazione inedita, dove la conoscenza deriva dall’esperienza, dal fare e dal condividere. Il Mediterranean FabLab @School  è un programma versatile, flessibile e personalizzabile, che viene declinato a seconda degli obiettivi e della programmazione dell’offerta formativa dell’istituto, nonché seguendo le esigenze culturali e sociali del territorio. Inoltre, la Medaarch offre a tutte le scuole aderenti al programma, la possibilità di personalizzare i corsi da seguire e di concordare se tenerli all’interno della struttura scolastica o presso la sede del Mediterranean FabLab.

Perché una partnership con la Medaarch e il Mediterranean FabLab?

Perché le attività formative che la Medaarch propone sono realizzate da personale preparato e portate avanti con l’obiettivo di aggiornare, valorizzare e implementare le conoscenze professionali degli studenti e dei docenti favorendo il loro accesso alla ricerca, alla sperimentazione e all’innovazione didattica.

Sei interessato ad attivare il programma Mediterranean FabLab @School nella tua scuola? Contattaci subito!

e-mailinfo@medaarch.com

tel: 089/463126 – 392/5149075

Segui tutte le nostre novità per la scuola: iscriviti alla nostra newsletter!
Articoli simili