Data Ornamentation Processing Test

Home / / Data Ornamentation Processing Test

Anno 2012

La ricerca è stata svolta durante un workshop intensivo di 3 giorni, tenuto da Alessio Erioli diCo-de-it, in cui si è partiti da una introduzione al design generativo attraverso l’utilizzo di Processing, con l’obiettivo di fornire una comprensione del processo di articolazione e differenziazione dei dati quale operazione architettonica di per sé.

Durante la 3 giorni abbiamo indagato come, attraverso l’Object-oriented Programming sia possibile generare una estetica (morfologia e comunicazione) delle informazioni dando loro una complessità ordinata, elegante ed emergente tramite l’interazione coordinata da insiemi di semplici regole.

P5_DO_2_640x290

Partendo da elementi geometrici che interagiscono tra loro, fino all’introduzione a Cellular Automata e sistemi di agenti, si è arrivati ad una progettazione di bracciali dalle forme complesse ed accurate. Successivamente, i progetti risultanti sono stati prototipati attraverso l’utilizzo della stampante 3D.

 

Ornamento deriva dalla radice indoeuropea ar- che significa “mettere insieme”, radice comune ad armonia, armonizzare ed arrangiare (disporre). L’ornamento non viene quindi considerato come qualcosa di non necessario, quanto piuttosto la condizione che emerge nelle operazioni di articolazione e differenziazione di un sistema, espressione della sua stessa natura.

P5_DO_640x290

L’articolazione e differenziazione di dati nello spazio è una operazione architettonica di per sé, che porta alla formazione di pattern i quali sono il veicolo per generare informazione dai dati. L’interazione complessa dei patterns con i dati stessi produce una forma sofisticata di estetica, una vera e propria forma di data ornamentation.

Processing è un ambiente di programmazione il cui linguaggio è basato su Java, da cui eredita completamente sintassi, comandi e il paradigma di programmazione orientata agli oggetti, ma in più mette a disposizione numerose funzioni ad alto livello per gestire facilmente l’aspetto grafico e multimediale. La semplicità dell’ambiente di programmazione, la vasta gamma di librerie disponibili per personalizzarne ed estenderne le funzioni  e la grande velocità in fase di esecuzione ne hanno fatto un ambiente adatto alla simulazione dinamica di sistemi complessi attraverso processi di feedback continui, iterazioni e ricorsioni.

Ricerche simili