Print your city? La stampa 3D sta rivoluzionando i futuri urbani

Home / Notizie / Print your city? La stampa 3D sta rivoluzionando i futuri urbani

Condividiamo con voi questo interessante articolo di nationalpost.com  su come le tecnologie di fabbricazione digitale stanno ridefinendo il concetto di arredo urbano e del futuro della produzione.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su The Conversation, una fonte indipendente e senza scopo di lucro di notizie, analisi e commenti di esperti accademici. Informazioni sulla divulgazione sono disponibili sul sito originale.


Autori: Sylvie Albert, Professore, Facoltà di Economia e Commercio, Università di Winnipeg; Jeremy Millard, Visiting Senior Research Fellow, Università di Bradford, e Tomas Diez, direttore del Fab Lab di Barcellona

Il concetto di Fabrication City rimette la produzione nelle mani delle comunità, utilizzando stampanti 3D. Potrebbe avere implicazioni di vasta portata per lo sviluppo economico, la sostenibilità ambientale, l’inclusione e altri benefici. L’uso della stampa 3D offre alle città opportunità attraverso i loro innovatori e imprenditori locali.

Il processo di stampa 3D stratifica i materiali per creare oggetti tridimensionali utilizzando apparecchiature digitali. I produttori locali hanno accesso ai laboratori di fabbricazione dotati di tecnologia per apprendere e questo ambiente di incubazione può sviluppare futuri imprenditori.

Il modello della città di fabbricazione è emerso intorno al 2011, sviluppato dal Center for Bits and Atoms del MIT e da oltre 1.000 Centri Maker che forniscono ai produttori locali l’accesso alla stampa 3D e ad altri strumenti di produzione. Ci sono anche quartieri e gruppi di città che facilitano il movimento dei maker.

Vi sono opportunità per individui e gruppi di creare e commercializzare prodotti da materiali nuovi o usati utilizzando un dispositivo digitale e una tecnologia additiva. Facilitando queste attività, le città possono trasformare radicalmente il modo in cui la produzione e il consumo avvengono all’interno della loro regione. Interconnessione di persone e processi per creare innovazione e crescita economica locale e regionale, riducendo allo stesso tempo gli impatti ambientali. Cosa potremmo riutilizzare se pratichiamo un’innovazione più inclusiva e in che modo potremmo cambiare l’economia locale se sosteniamo l’approvvigionamento locale?

Stampando il futuro

Nel nostro libro, “Soluzioni innovative per la creazione di città sostenibili“, la sezione sulla città di fabbricazione spiega che in futuro non possiamo seguire gli stessi principi di prima spostando i materiali o concentrandoci sulla ricerca dell’efficienza (meno investimenti di capitale, energia, risorse) per la massimizzazione delle uscite.

Invece, dobbiamo ridefinire radicalmente l’urbanismo cambiando il modo in cui produciamo, consumiamo e viviamo nelle città in modo che possano digerire localmente i rifiuti che producono. Proprio come l’economia digitale sta rendendo disponibili piattaforme per chiunque di vendere a livello globale, nuove tecnologie come la produzione additiva ci permettono di ripensare dove e come facciamo le cose.

L’uso della stampa 3D sta già trasformando molte industrie convenzionali. Ad esempio, GE è in grado di sostituire un terzo delle parti su un motore aeronautico utilizzando la stampa 3D e, fondendo insieme materiali, è possibile ridurre il numero complessivo di parti. Honda ha creato un veicolo elettrico interamente da segmenti stampati in 3D. Le auto stampate su richiesta potrebbero essere proprio dietro l’angolo. Anche oggi le case vengono stampate in 3D a costi ragionevoli – anche se un po ‘rudimentale, l’output può solo migliorare.

Questa rivoluzione manifatturiera avrà implicazioni sostanziali, fornendo alle città e agli imprenditori locali l’opportunità di personalizzare e produrre massa per consegne just-in-time. Ridurrà il trasporto e gli sprechi e quindi contribuirà a ridurre al minimo le emissioni. Può anche ridurre il costo complessivo per i consumatori aumentando al contempo i posti di lavoro locali.

photo credits: wasp

Ripensare la produzione locale

Immagina città dotate di fabbriche flessibili che utilizzano catene di approvvigionamento locali e materiali di provenienza locale. Questi siti di fabbricazione utilizzano materiali di scarto, componenti smontati e altre fonti per produrre prodotti digitali e personalizzati per i cittadini. Dagli arti protesici ai rifiuti di plastica utilizzati per creare posti a sedere nei parchi cittadini, a sì, a un frigorifero, c’è un numero crescente di prodotti fabbricati da imprenditori locali.

La produzione industriale ha iniziato questa transizione dalla progettazione degenerativa a quella rigenerativa (sono processi che ripristinano e rinnovano le fonti di energia e materiali), conosciuta anche come economia circolare. I rifiuti, ad esempio, vengono riciclati e fabbricati per soddisfare nuove esigenze come la produzione di energia.

Il concetto di città di fabbricazione incontra gli obiettivi sociali, economici, di governance e di sviluppo sostenibile. Questo è un enorme incentivo per le città a impegnarsi e stabilire nuovi sistemi urbani che sono rigenerativi e riparativi per progettazione. La Fab City Global Initiative, iniziata nel 2016, comprende 27 municipalità e governi partecipanti, tra cui Detroit, Amsterdam, Bhutan, Shenzhen, Ekurhuleni, Santiago del Cile, Boston e Parigi.

Esiste una ricca rete di designer, creatori e innovatori provenienti da una vasta gamma di settori che contribuiscono allo sviluppo di beni di consumo, energia, produzione alimentare, prodotti per la salute e altro ancora. Non è difficile immaginare che prodotti voluminosi come automobili o frigoriferi che sono costosi da spedire e da magazzino potrebbero, in futuro, essere prodotti su richiesta localmente.

Barcellona è forse l’ambiente di fabbricazione più facilmente riconosciuto. Già una quantità significativa di cibo, materiali e prodotti non vengono più prodotti a migliaia di chilometri di distanza, sono concepiti, progettati e sviluppati all’interno dei confini urbani.

Le città di fabbricazione possono differenziarsi attraverso il design. Creano un ecosistema unico che attrae persone e organizzazioni innovative, che consente alle città di diversificare e offrire una qualità della vita senza pari. Le città di fabbricazione sono un potente punto di svolta nel modo in cui produciamo e smaltiamo tutto ciò che consumiamo.

photo credits: wasp

Questo articolo è basato su un capitolo di Tomas Diez, Jeremy Millard, Massimo Menichinelli e Marie Nicole Sorivelle nel prossimo libro, Soluzioni innovative per la creazione di città sostenibili (Cambridge Scholars), a cura di Sylvie Albert.

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Informazioni sulla divulgazione sono disponibili sul sito originale. Leggi l’articolo originale:
https://theconversation.com/print-your-city-3d-printing-is-revolutio https://theconversation.com

Articoli simili