Stampanti 3D sempre più precise grazie ai voxel

Home / Notizie / Stampanti 3D sempre più precise grazie ai voxel

Un team di ricercatori del MIT e dell’Università di Harvard ha escogitato un modo per ottenere stampanti 3D per stampare oggetti utilizzando set di dati anziché rappresentazioni geometriche.

 Nel loro articolo pubblicato sul sito di accesso aperto Science Advances, il gruppo descrive la loro nuova tecnica e alcuni dei modi in cui credono che potrebbe essere utilizzata.

immagine 2

Chiunque abbia visto una moderna stamapante 3D in azione sa che c’è molto spazio per migliorare. Gli oggetti stampati sono generalmente un unico colore e hanno una qualità non sempre altissima

In questo nuovo sforzo, il team del MIT ha sviluppato una tecnica che utilizza particolari dati che descrivono come un oggetto occupa lo spazio. Il risultato è paragonabile al passaggio da una stampante ad aghi a una stampante laser.

Per stampare un oggetto su stampanti 3-D convenzionali, vengono fatti dei calcoli relativi a una rappresentazione digitale di un manufatto, convertendo la sua forma geometrica in descrizione numerica. Questa lista di istruzioni poi viene utilizzata per far muovere la stampante in determinati modi. La nuova tecnica, invece, converte i dati che descrivono l’oggetto digitale in voxel (pixel 3-D) cioè unita minime di volume. Ciò consente alla stampante di stampare voxel anziché forme, con incredibile precisione, attualmente con una risoluzione di 2,3 milioni di voxel per centimetro cubo.

F1.medium

Ciò significa, ad esempio,  prendere i dati da una file digitale come una risonanza magnetica, convertirli e quindi stamparli con dettagli incredibili. Inoltre, come i pixel, ogni singolo voxel contiene un codice colore che può essere utilizzato per ricreare il colore reale dell’oggetto, mescolando il magenta, il ciano, il giallo e il nero e, naturalmente, bianco e chiaro. Il risultato è un oggetto che assomiglia molto all’oggetto originale.

immagine 3

Per dimostrare l’efficienza della nuova stampante, il team di ricercatori ha realizzato da zero una variopinta maschera etnica.

Notevoli progressi nel campo della stampa 3D che aprono a scenari e percorsi di apprendimento di metodologie innovative. Sviluppare nuove competenze, sperimentare e dare un nuovo volto ai mestieri della tradizione sono questi gli obiettivi del nostro programma Atelier d’Artigianato digitale.

Credits from: PHYS.ORG

Potrebbe interessarti anche:

La Rapid Liquid Printing del MIT stampa mobili in pochi minuti

Neri Oxman e il Mit sviluppano un sistema di fabbricazione digitale a base d’acqua

Articoli simili