Uno studio dimostra che la stampa 3D migliora il pensiero progettuale e la creatività nelle scuole primarie

Home / Notizie / Uno studio dimostra che la stampa 3D migliora il pensiero progettuale e la creatività nelle scuole primarie

Negli ultimi tempi i luoghi deputati al “do it yourself” come fablab, makerspace, hub, sono stati ampiamente raccomandati come posti ideali per sviluppare abilità STEM e soft skills.
I ricercatori della Macquarie University di Sydney, in Australia, hanno condotto uno studio di un anno sui vantaggi dell’apprendimento della stampa 3D e della progettazione 3D negli spazi di produzione delle scuole elementari.

Lo studio di ricerca ha esaminato il modo in cui le attività di coloro utilizzano la progettazione 3D e la tecnologia di stampa 3D potrebbero migliorare i risultati di apprendimento e insegnamento: 27 insegnanti di tre scuole hanno seguito il corso di sviluppo professionale di Makers Empire’s Learning by Design e 500 studenti partecipanti hanno utilizzato il software di modellazione 3D di Makers Empire.

Lo studio di ricerca ha rivelato che i makerspace possono essere molto efficaci nello sviluppo della creatività, del pensiero critico, del pensiero progettuale e delle abilità digitali dei bambini. Gli studenti erano molto impegnati con la tecnologia 3D e l’idea di risolvere le vere sfide del design ha contribuito ad aumentare la loro fiducia e resilienza quando si trattava di battute d’arresto, in particolare per gli studenti meno capaci.

“Molti degli studenti intervistati hanno dato riscontro positivo dell’app Makers Empire 3D, con valutazioni verbali offerte come” 100% “o” 11 su dieci “,” secondo lo studio. “Otto studenti (23,5%) ho scelto di utilizzare volontariamente l’app a casa per divertimento, spesso con i membri della loro famiglia. “Ci sono stati 32 studenti (94,1%) che volevano usare il design e la stampa 3D una volta lasciata la scuola, ad esempio come una carriera (“costruisci case così come … forse le persone che vivono per strada possono avere case per vivere “) o per divertimento (” come un giocattolo, perché ho già fatto una palla giocattolo per il mio cane “). Ci sono state anche storie ripetute di trasformazione studentesca, per esempio, in cui uno degli scrittori precedentemente riluttanti della maestra di Kindergarten in seguito era diventato “una stella splendente”.

Le 27 risposte degli insegnanti al questionario post-implementazione sono state confrontate utilizzando a scala a sette punti da (0) “Forte disaccordo” a (6) “Fortemente d’accordo”.

Per quanto riguarda il feedback degli insegnanti, lo studio ha dimostrato che questi sono diventati più a loro agio con la tecnologia e sono più collaborativi e flessibili nel loro insegnamento. Tutti i 24 insegnanti di classe che hanno partecipato al focus group hanno espresso il desiderio di integrare gli spazi di progettazione 3D nei loro corsi futuri.

Gli insegnanti hanno indicato che l’apprendimento professionale ben strutturato, pedagogico, pratico ha permesso loro di sviluppare una migliore comprensione degli spazi dei makers, come insegnare in loro, le competenze tecniche richieste e le capacità del 21 ° secolo“, secondo il rapporto.
Diversi insegnanti hanno dichiarato di essere stati più collaborativi, flessibili e a proprio agio con la tecnologia. Molti insegnanti hanno iniziato a collaborare con gli studenti e, di conseguenza, gli studenti sono venuti a vedere i loro insegnanti come modelli di apprendimento permanente. Alcuni insegnanti hanno messo in relazione come questi cambiamenti siano andati oltre i loro moduli makerspace – ad esempio, sotto forma di unità di lavoro più basate sulla ricerca, basate sui problemi e collaborazioni. Diversi insegnanti hanno anche sottolineato di aver apprezzato il modo in cui il progetto makerspaces ha consentito loro di implementare un curriculum integrato. ”

Lo studio è stato prodotto da ricercatori del Dipartimento di studi sull’educazione dell’Università Macquarie: il professore associato Matt Bower, il dott. Michael Stevenson, il professor Garry Falloon, la dott.ssa Anne Forbes e la dott.ssa Maria Hatzigianni.

credits: 3ders.org


Scopri i nostri laboratori di didattica digitale per la scuola! http://www.medaarch.com/corsi-per-la-scuola 

Articoli simili