Come trasformare una stampante 3D in una macchina ad iniezione

Home / Notizie / Come trasformare una stampante 3D in una macchina ad iniezione

Dalla medicina alla moda, dall’architettura all’ingegneria, all’agricoltura, passando per la prototipazione di oggetti e accessori, la stampa 3D sta facendo sicuramente passi da gigante in ogni campo, portando innovazione di prodotto e processo per l’ottimizzazione di lavori e ricerche. Tuttavia, non è stata, finora, la tecnologia ideale per la creazione o la replica di oggetti piccoli e ad alta definizione di dettagli. Abbiamo aggiunto il “finora” perché sembra che questo limite presto potrebbe essere superato.

Bruce Kinsey, riparatore e inventore di professione, conosciuto anche con il suo nickname di BFK, ha sperimentato una nuova tecnica con la quale è possibile trasformare in modo relativamente semplice una stampante 3D in una pressa ad iniezione.

trying-to-replicate-something-very-small-and-detailed-1

Generalmente, le macchine ad iniezione sono in grado di produrre enormi lotti di prodotti utilizzando stampi metallici ed estrusori ad alta pressione. Una classica stampante 3D non è in grado di produrre la stessa forza di una macchina di stampaggio a iniezione, ma funziona sullo stesso principio di estrusione utilizzando la plastica fusa.
Bruce ha lavorato con successo ad un metodo per l’utilizzo di tale funzione al fine di produrre componenti piccole e dettagliate, tenendo uno stampo premuto contro la testa di estrusione della sua stampante 3D. Nella foto potete vedere il risultato: una replica di una carrozza cannone tipica della guerra civile.
Per fare ciò, Bruce ha utilizzato una stampante MakerBot 3D come se fosse una pressa ad iniezione. In poche parole, tutto ciò che gli è servito è una stampante 3D in grado di estrudere PLA per ottenere uno stampo di gomma RTV.

trying-to-replicate-something-very-small-and-detailed-2

trying-to-replicate-something-very-small-and-detailed-3

C’è solo un aspetto negativo: fare uno stampo non è poi così semplice e, come Bruce stesso afferma, “richiede un bel po’ di tempo. Inoltre, c’è anche un alto livello di risultati incerti o errori imprevedibili che non possono essere del tutto spiegati. Ottimi risultati sono possibili, ma la pazienza è un requisito assoluto.”

trying-to-replicate-something-very-small-and-detailed-5

Il processo è questo, come Bruce stesso spiega: “Riscaldare il PLA alla temperatura che in genere si utilizza e posizionare lo stampo sotto l’estrusore, allineando l’ugello della stampante fino al foro sulla parte superiore dello stampo. Poi premere uno contro l’altro. Riempire lo stampo e quando è freddo tirare la parte del vostro stampo. Incrociare le dita e gioire, se possibile!“.
Ecco il video che ne mostra il procedimento:

Leggi anche:

PotterBot Clay 3D, la 3D printer che stampa in argilla

Come costruire una mini stampante 3D, plotter o macchina CNC utilizzando vecchi DVD

Triple Delta Robot: l’innovativo braccio robotico (più economico e leggero)

Voxel8: la 3D printer che stampa un quadcopter completo, compresi i circuiti

Articoli simili