Ecco i software di design computazionale più diffusi

Home / Notizie / Ecco i software di design computazionale più diffusi

Rhinoceros, Grasshopper, ZBrush , SolidWorks, Blender: ecco per voi una veloce carrellata sui software più diffusi, le loro caratteristiche e qualche dritta su come scegliere quello giusto a seconda degli obiettivi.

Rhinoceros: Software CAD estremamente versatile, la sua curva di apprendimento è dolcemente ripida. Facile da imparare, è un programma di consigliato soprattutto per chi vuole usare la modellazione 3D in ambito professionale, sopratutto per il design.
Per esso vale il paradigma: “software molto diffuso = molta documentazione reperibile in rete” (guide-tutorial-manuali).

L’azienda produttrice, la mcNeel, offre già un validissimo supporto online per l’apprendimento delle sue funzionalità (https://www.rhino3d.com/it/tutorials). Forum, blog, esperti online fanno il resto.
E’ fondamentale tuttavia che sappiate che imparare ad usare gli strumenti di un software è una cosa, massimizzare l’uso di quel tool tanto da sapere esattamente in che modo realizzare un progetto, è sicuramente cosa più complessa che richiede uno studio più approfondito dello strumento.

Vuoi imparare ad usare strumenti di progettazione? Rivolgiti a noi!

Esistono vari plug-in in grado di fare cose molto disparate, dalla realtà virtuale all’interazione con macchine a controllo numerico.
Su questo sito è possibile reperirne moltissimi: https://www.food4rhino.com/


Il re dei plugin che dalla versione Rhino6 è diventato parte integrante del software è senza dubbio Grasshopper che, grazie al suo comodo editor visuale, facilita le operazioni di modellazione parametrica.
Per Rhinoceros 6 è disponibile una versione evaluation, per una prova gratuita di 90 giorni https://www.rhino3d.com/it/

ZBrush è un programma di grafica computerizzata che combina modellazione, texturizzazione e painting in 3D e 2,5D. La differenza principale tra ZBrush ed i software tradizionali è che esso è più intuitivo e verosimile nella scultura.
ZBrush è usato come strumento di scultura digitale per creare modelli ad alta risoluzione (fino a milioni di poligoni e più, teoricamente illimitati) da usare in film, giochi e animazioni

SolidWorks: è un software di disegno e progettazione tridimensionale parametrica, prodotto e commercializzato dalla Dassault Systèmes. Nasce come software appositamente dedicato per l’ingegneria meccanica ed è quindi particolarmente utile per la progettazione di apparati meccanici, anche complessi.

solid works

Tra i software gratuiti ed openSource ecco cosa ti consigliamo!

Blender: un software di modellazione, animazione e rendering free e opensource in forte crescita e di tutto rispetto.
Nonostante rientri appunto nella categoria dei software gratuiti ed openSource, Blender fa grossi passi avanti ad ogni nuovo rilascio.
La sua natura openSource ed il suo crescente utilizzo, anche in ambito professionale, fanno sì che è possibile reperire facilmente guide, manuali e tutorial.
Nota leggermente negativa: l’interfaccia grafica non è molto intuitiva e quindi vi è bisogno di un periodo di “ambientamento” per imparare a lavorarci velocemente. Ma ne vale la pena.

Molte aziende che producono software estremamente professionali, rilasciano gratuitamente software minori con strumenti simili e meno performanti dei software Top di gamma da loro stessi prodotti. Ecco quelli secondo noi degni di nota.

Da Autodesk azienda produttrice di AUTOCAD troviamo:

Autodesk Meshmixer il cui claim è “free software for making awesome stuff”, un software per fare cose appunto “solo carine”.
Software multipiattaforma (Windows e MacOS X e Linux) permette la fusione di mesh esistenti per creare nuovi modelli 3D.

Pixologic azienda produttrice di Z-BRUSH invece ha creato in versione free:

Sculptris software di modellazione scultorea davvero molto intuitivo.
É possibile sia importare modelli in formato .obj realizzati con altri software, sia partire da solidi primitivi. In pratica è possibile modellare un disegno digitale come se si stesse modellando un blocco di argilla. Gli strumenti principali consentono di, tirare, pressare, scalare, gonfiare, lisciare, appiattire, incidere, ruotare il blocco di “argilla-digitale”

Vuoi imparare ad usare strumenti di progettazione? Rivolgiti a noi!

CONTATTI: lab@medaarch.com – 392 51 49 075


Potrebbe interessarti anche:

Articoli simili