Innovarsi per crescere: la storia dell’orafo Nicola Schiavone

Home / Notizie / Innovarsi per crescere: la storia dell’orafo Nicola Schiavone

Nicola Schiavone è un artigiano dell’oro da quando aveva 11 anni.
Dopo 45 anni, Nicola che è un grande appassionato del suo mestiere, ha deciso di mettersi in gioco ed affrontare le sfide dell’innovazione “per allargare i suoi orizzonti”. Ecco perché ha scelto di seguire l’Atelier di Artigianato Digitale
Dopo un anno di incubazione con noi, Nicola racconta quello che ha scoperto grazie a questa sua avventura.
Buona lettura!

Mi chiamo Nicola Schiavone e sono circa 45 anni che faccio l’orafo. È stata subito una passione.
Avevo 11 anni quando ho deciso di cercare un lavoro che mi desse la possibilità di fare una vita dignitosa. E l’ho trovato.

Già da piccolo ero affascinato dall’arte della modellazione che era presente in ogni luogo della mia amata Torre del Greco.

Questo mi ha consentito di frequentare sin da piccolo laboratori orafi iniziando così questa bellissima avventura che mi ha dato la possibilità di dar vita alle mie idee e di realizzare tantissimi gioielli interamente fatti a mano. Modellare l’oro, l’argento, unendoli a pietre preziose e vivere la tradizione orafa nella sua interezza è un’esperienza fondamentale.

Molti anni sono passati da quando ho iniziato. E molte cose sono cambiate.
La tecnologia ha fatto passi da gigante ed io ho voluto allargare i miei orizzonti e provare a coniugare la mia esperienza di artigiano con la tecnologia, cogliendo al volo la possibilità di aderire all’Atelier di Artigianato Digitale, il programma di digitalizzazione di Medaarch che mi sta dando l’opportunità di sperimentare nuove tecniche di fabbricazione.

La Gold Design nasce con l’intento di sviluppare un progetto di trasformazione digitale all’interno del Centro per l’Artigianato Digitale con l’intento proprio di digitalizzarci, sperimentare nuove tecnologie.

Oggi, dopo un anno di incubazione al CAD, io sono in grado di progettare al pc un oggetto e vederlo già finito. Per cui so già che forma avrà quella mia idea. Le tecnologie di fabbricazione digitale come la stampa 3D, mi permettono di prototipare fisicamente quell’oggetto, quindi testare la sua efficacia in anteprima, senza spreco di tempo. Il che è un valore fondamentale per il mio lavoro.

Il Centro per l’Artigianato Digitale dà opportunità agli artigiani e ai professionisti di innovarsi anche nella tecnologie, che è importante perché è il futuro. E noi ci dobbiamo adeguare.

Io invito tutti artigiani a venire al Centro per l’Artigianato Digitale e a partecipare perché è un progetto che propone un percorso fondamentale. E poi ci sono persone competenti che io, tra l’altro, stimo molto perché sono persone davvero in gamba.

É partita la nuova CALL Atelier di Artigianato Digitale. Sei dei nostri?
Partecipa 
al nostro programma di aggiornamento che ti offe la possibilità di coniugare la tradizione artigianale con gli strumenti di fabbricazione digitale, per innovare e rilanciare la tua attività.

Candidati subito! -> https://www.medaarch.com/download-call-aad 

Articoli simili