PON Competenze di base_ 2a edizione

Home / Notizie / PON Competenze di base_ 2a edizione

copertina-competenze-base 1
Cos’è il PON Competenze di base?

Il Pon Competenze di base fa parte delle 10 azioni messe in atto dal Programma Operativo Nazionale “Per la Scuola – competenze e ambienti per l’apprendimento” realizzato dal MIUR per perseguire l’inclusività, l’equità, la coesione e il riequilibrio territoriale, favorendo la riduzione della dispersione scolastica e dei divari tra territori, scuole e studenti in condizioni diverse. Il Programma Operativo Nazionale, inoltre, mira a valorizzare e sviluppare le potenzialità, i talenti e i meriti personali, anche attraverso la promozione delle competenze trasversali degli studenti, comprese quelle di cittadinanza globale. Nello specifico l’obiettivo dell’azione PON Competenze di base è quello di rafforzare le competenze di comunicazione in lingua madre e in lingua straniera, quelle logico-matematiche e le competenze di base in campo scientifico allo scopo di compensare svantaggi culturali, economici e sociali di contesto, garantendo il riequilibrio territoriale e riducendo il fenomeno della dispersione scolastica.

In che modo la Medaarch lavora per le scuole?

La Medaarch da sempre lavora con le scuole, proponendo e organizzando percorsi formativi altamente innovativi. I nostri corsi sono strutturati con metodi di apprendimento innovativi per implementare le conoscenze degli studenti e migliorarne le competenze di base. Attraverso il programma Mediterranean FabLab @School, la Medaarch propone un’offerta formativa che garantisce il conseguimento di percorsi didattici e laboratoriali di successo relativi ai programmi PON/POR/FSE/FESR.

Cosa offre la Medaarch per lo sviluppo del PON Competenze di base?

Per il PON Competenze di base la Medaarch ha ideato una serie di percorsi formativi strutturati a seconda delle azioni dettate dal MIUR che hanno l’obiettivo di:

– rafforzare le competenze logico-matematiche
– migliorare le competenze di base in campo scientifico
– potenziare le conoscenze e la comunicazione della lingua madre e della lingua straniera

I percorsi formativi mirano a valorizzare e sviluppare le potenzialità, i talenti e i meriti personali degli studenti allo scopo di ridurre la dispersione scolastica e di compensare gli svantaggi culturali, economici  e sociali del contesto in cui vivono.

img_20151212_110441

 

Quali sono i moduli formativi dedicati al PON Competenze di base?

L’offerta formativa dedicata al PON competenze di base è molto ampia e versatile ed è strutturata per le scuole di ogni ordine e grado. Ecco nello specifico alcuni dei nostri moduli! Partiamo dalla scuola d’infanzia:

Per il potenziamento della lingua italiana

  • Modulo “Fiaba in digitale”: il modulo ha l’obiettivo di fornire ai discenti strumenti adeguati per interfacciarsi con il digitale in maniera semplice e creativa, attraverso la composizione di una fiaba, migliorando e potenziando le capacità comunicative, linguistiche e di espressione degli alunni.
  •  Modulo “Comunicando un’idea d’impresa!”: il modulo ha l’obiettivo di presentare in maniera semplice e ludica i concetti di marketing e comunicazione d’impresa, fornire elementi essenziali della comunicazione e di potenziare le capacità comunicative, linguistiche e di espressione dei partecipanti.

Per lo sviluppo delle competenze multimediali

  • Modulo “Coding e robotica”: il modulo ha l’obiettivo di far approcciare gli alunni al pensiero computazionale, alla programmazione con il pc e alla relazione con la robotica in maniera semplice e ludica per consentire loro di sviluppare, attraverso strumenti innovativi, la propria creatività, il collaborative learning e le competenze digitali.
  •  Modulo “Coding e storytelling”: il modulo ha l’obiettivo di far approcciare gli alunni al pensiero computazionale e alla programmazione con il pc in applicazione alle materie umanistiche e in particolare lo storytelling, declinato in maniera semplice e ludica per la scuola dell’infanzia. Il coding sarà utilizzato per dare una rappresentazione visiva dei processi che sono dietro i ragionamenti, al fine di generare consapevolezza e facoltà gestionale degli stessi. Ciò serve a generare narrazioni con padronanza del discorso e della struttura della trama.

3

Anche per le scuole del I e del II Circolo abbiamo pensato a diversi moduli, ognuno strutturato a seconda dell’azione dettata dal MIUR. Eccoli di seguito!

Per il potenziamento della lingua italiana

  • Modulo “Scrittura creativa”: il modulo ha l’obiettivo di consolidare e approfondire la conoscenza della lingua italiana fornendo ai discenti strumenti adeguati per interfacciarsi con la scrittura creativa.
  •  Modulo “Comunicazione d’impresa”: il modulo ha l’obiettivo di presentare in maniera semplice e ludica i concetti di marketing e comunicazione d’impresa, fornire elementi essenziali della comunicazione e di potenziare le capacità comunicative, linguistiche e di espressione dei partecipanti.
  •  Modulo “Coding e storytelling”: il modulo ha l’obiettivo di far approcciare gli alunni al pensiero computazionale e alla programmazione con il pc in applicazione alle materie umanistiche e in particolare lo storytelling, declinato in maniera semplice e ludica per la scuola dell’infanzia. Il coding sarà utilizzato per dare una rappresentazione visiva dei processi che sono dietro i ragionamenti, al fine di generare consapevolezza e facoltà gestionale degli stessi. Ciò serve a generare narrazioni con padronanza del discorso e della struttura della trama.

Per il potenziamento della matematica

  • Modulo “Equiscomponibilità di figure elementari: il Tangram attraverso la stampa 3D: il modulo ha l’obiettivo di implementare le conoscenze matematiche degli alunni in maniera semplice e ludica. Durante il corso i discenti impareranno a calcolare l’area di semplici figure scomponendole in figure elementari e a riprodurre figure e disegni geometrici utilizzando riga, squadra, compasso, software di geometria e infine la stampante 3D.
  • Modulo “Coding e robotica”: il modulo ha l’obiettivo di far approcciare gli alunni al pensiero computazionale, alla programmazione con il pc e alla relazione con la robotica in maniera semplice e ludica per consentire loro di sviluppare, attraverso strumenti innovativi, la propria creatività, il collaborative learning e le competenze digitali.

 Per il potenziamento delle scienze

  • Modulo “Biomedica digitale”: il modulo ha l’obiettivo di far acquisire ai discenti conoscenze tecniche e progettuali sulla stampa 3D e biostampa, due aspetti della stessa rivoluzione che permettono come mai prima di adattare i progetti alle necessità dell’uomo. Le conoscenze acquisite durante il corso permetteranno agli alunni di valutare i vantaggi e gli svantaggi delle nuove tecnologie in campo medico e le modalità di sviluppo dei progetti.
  • Modulo “Sistema idroponico fai-da-te”: il modulo ha l’obiettivo di far acquisire ai discenti competenze sull’utilizzo degli strumenti di programmazione assistita, di prototipazione rapida e di programmazione elettronica. Durante il modulo si acquisirà una conoscenza generale della stampa 3D con basi di modellazione 3D attraverso l’utilizzo del software Rhinoceros. L’obiettivo principale del corso sarà la costruzione fai-da-te di sistemi per la coltivazione in idroponica.

2

Quali metodologie didattiche utilizziamo?

Ogni attività formativa e laboratoriale che la Medaarch propone, attraverso il programma Mediterranean FabLab @School, prevede l’utilizzo delle seguenti metodologie:

  • Peer education: Attraverso un approccio peer to peer gli studenti avranno la possibilità di sedimentare le conoscenze acquisite, sperimentando direttamente la didattica dei contenuti appresi mediante l’insegnamento ad altri studenti, e/o ai loro stessi compagni
  •  Learning by doing: Ogni attività prevista coinvolge gli studenti o i genitori in situazioni concrete, in cui i contenuti formativi vengono vissuti, sperimentati, attuati e le conoscenze e le competenze teoriche vengono rese operative.
  •  Cooperative learning: La Medaarch propone per ogni attività una o più situazioni in cui è richiesto il lavoro di gruppo, essendo ferma la convinzione che tale approccio risulti basilare sia per la costituzione di una coesione maggiore tra gli studenti e tra studenti e insegnanti, sia per l’emergere di dinamiche che portano il singolo ad emergere in maniera critica e consapevole all’interno del gruppo.
  •  Tinkering: utilizzando un approccio metodologico informale e intellettualmente stimolante basato sul “problem solving” gli studenti hanno la possibilità di utilizzare praticamente le conoscenze tecnologiche e scientifiche apprese.

1

 

Cos’è il programma Mediterranean Fablab @School?

La Medaarch ha realizzato il programma Mediterranean FabLab @School , che vuole essere un’esperienza di formazione inedita, dove la conoscenza deriva dall’esperienza, dal fare e dal condividere. Il Mediterranean FabLab @School  è un programma versatile, flessibile e personalizzabile, che viene declinato a seconda degli obiettivi e della programmazione dell’offerta formativa dell’istituto, nonché seguendo le esigenze culturali e sociali del territorio. Inoltre, la Medaarch offre a tutte le scuole aderenti al programma, la possibilità di personalizzare i corsi da seguire e di concordare se tenerli all’interno della struttura scolastica o presso la sede del Mediterranean FabLab.

Perché una partnership con la Medaarch e il Mediterranean FabLab?

Perché le attività formative che la Medaarch propone sono realizzate da personale preparato e portate avanti con l’obiettivo di aggiornare, valorizzare e implementare le conoscenze professionali degli studenti e dei docenti favorendo il loro accesso alla ricerca, alla sperimentazione e all’innovazione didattica.


Sei interessato ad attivare il programma Mediterranean FabLab @School nella tua scuola? Contattaci subito!

e-mailinfo@medaarch.com

tel: 089/463126 – 392/5149075

Segui tutte le nostre novità per la scuola: iscriviti alla nostra newsletter!

Articoli simili